Questo sito usa cookies per fini statistici e tecnici, cliccando "ACCETTO" o continuando la navigazione si accettano i cookies usati da parte del sito e da terze parti

ACCETTO

privacy policy e condizioni servizio
Freddo e neve: come proteggere i vetri della tua auto?

Freddo e neve: come proteggere i vetri della tua auto?

Cristal Assist (Network del Consorzio Autoriparatori di Fiemme e Fassa specializzato nella riparazione e sostituzione di cristalli auto ) ricorda a tutti gli automobilisti piccoli e semplici consigli che possano servire a evitare danni o a peggiorare situazioni già compromesse.

Si tratta di piccoli accorgimenti dai quali dipende la sicurezza del conducente e dei passeggeri soprattutto alla luce del fatto che, con l’aumento delle superfici vetrate nelle nostre auto, il vetro rappresenta circa il 30% della stabilità della scocca:

  • Non usare il sale sul vetro: forse uno dei “rimedi della nonna” più conosciuti ma assolutamente peggiorativi. Il sale, se non si scioglie, può graffiare il parabrezza, e peggiorare la situazione in caso di crepa o scheggiatura.
  • Non versare acqua bollente sul parabrezza e non indirizzare in maniera diretta il getto di aria calda sul vetro: creare un improvviso shock termico al vetro sovrapponendo aria calda erogata sul vetro e temperatura dello stesso comporta uno stress al parabrezza. È dunque importante riscaldare il vetro lentamente evitando getti diretti di aria molto calda.
  • Non tentare di rompere lo strato di ghiaccio con oggetti appuntiti o spigolosi: un comportamento di questo tipo porta con sé un alta possibilità di graffiare il vetro. È bene attendere che il parabrezza sia parzialmente scongelato e poi raschiare il ghiaccio con una spatola di plastica. È possibile utilizzare spray chimici per lo sbrinamento purché non siano presenti scheggiature o crepe nel parabrezza.

Non utilizzare tergicristalli danneggiati: controllare l’integrità dei tergicristalli è fondamentale, crepe e logoramenti sono segno di tergicristalli da sostituire. Consigliamo la loro sostituzione almeno 1 volta all’anno.

E buon inverno!